W'adrhŭn

Le tribù

Il cuore pulsante della razza W'adrhŭn sono le tribù che la compongono, un fatto che la loro divinità vivente ben comprende. Sebbene l'obiettivo di ogni tribù sia quello di fornire cibo e riparo ai suoi membri, le enormi esigenze alimentari dei W'adrhŭn distorcono notevolmente questo quadro. L'obiettivo principale di ogni tribù è quello di garantire il sostentamento e quasi tutte le strutture sociali e le norme all'interno di una tribù sono dedicate alla raccolta del cibo e alla protezione delle scorte.

Gli arcaici sistemi sociali usati dagli umani per determinare chi sarà guerriero e chi agricoltore sono semplicemente troppo corrotti e inefficienti perché i W'adrhŭn possano sopravvivere in un ambiente ostile come quello in cui vivono. Solo i migliori tra i migliori possono diventare guerrieri, non perché sia necessario un tale livello di forza e abilità marziale, ma piuttosto perché ne servono molti per fornire il cibo necessario alla sopravvivenza della razza. Entrambi i problemi vengono risolti con l'applicazione di un'unica, spietata soluzione: Le Prove e il conseguente Vincolo. La realtà della situazione, tuttavia, è che le tribù hanno bisogno di molti più raccoglitori di cibo che guerrieri per garantire la loro sopravvivenza; solo i migliori vengono elevati a Brave dopo le Prove, mentre gli altri vengono legati alla tribù, fornendo le mani e il lavoro per il suo sviluppo e la coltivazione del suo cibo. Pur essendo limitati nella scelta e nella libertà di perseguire il proprio futuro, i Legati sono profondamente rispettati all'interno della tribù; il loro status è protetto non solo dal ruolo vitale che ricoprono, ma anche dalla volontà inflessibile della dea vivente, e quindi hanno voce in capitolo nel Consiglio Tribale, l'organo di governo di ogni tribù.

Il Consiglio tribale ha un'unica struttura replicata in tutte le tribù. Cinque membri siedono e decidono questioni di peso e importanza per la sopravvivenza della tribù, con un singolo membro che rappresenta ciascuna delle influenze potenti all'interno della struttura della tribù. Il Capo Tribù rappresenta i guerrieri della tribù, la Padrona rappresenta i Legati, il Predatore rappresenta gli oratori, il sacerdote più anziano del culto di Conquest è chiamato Scion e rappresenta tutti i culti, mentre lo sciamano rappresenta gli anziani. In questo modo gli interessi della Tribù vengono espressi in modo paritario e agli Anziani, quei W'adrhŭn che sono riusciti a vivere più di quattro decenni, viene spesso assegnato un ruolo cerimoniale di spareggio nelle decisioni fortemente contestate.

Per le decisioni minori e quotidiane, la tribù è guidata dal Capo tribù o dalla Padrona, ma è molto importante capire che, sebbene il Consiglio possa governare la tribù, non è considerato il leader; questo ruolo è riservato esclusivamente all'Ukunfazane, la loro dea vivente. Per facilitare i suoi sforzi, l'Ukunfazane ha nominato tre Regine Matriarca che governano ogni oasi in nome della dea mentre lei è assente. Un tempo c'erano anche Re Consorti che svolgevano questi ruoli, ma ribellioni e tradimenti hanno insegnato alla dea a evitare le complicazioni insite nella condivisione del governo con un maschio.

Oggi le tribù governano la quasi totalità della popolazione W'adrhŭn nelle Terre Desolate, la maggior parte della quale si concentra nelle tre oasi nate dalla rottura del Spires. Alcune piccole tribù nomadi si aggirano per le Terre Desolate, costeggiando i confini orientali del vecchio dominio, sopravvivendo grazie al commercio con le oasi per i tesori saccheggiati dalle rovine del vecchio dominio e per il cibo che i loro cacciatori e pastori possono fornire.

La pressione demografica, amplificata dalle esigenze alimentari degli stessi W'adrhŭn e aggravata dalla crescente pressione che il riaccendersi della Pira a est ha portato, sta lentamente ma costantemente spingendo le tribù verso nuovi territori. Mentre i morti irrequieti del vecchio dominio marciano, la maggior parte delle tribù delle Terre Desolate, rinforzate con alcune delle tribù più potenti dell'oasi, hanno iniziato a spostarsi verso ovest, attraverso le montagne, dove potrebbero sopravvivere all'assalto. Alcune sono rimaste per dare fastidio al nemico mentre attraversa le Terre Desolate e per fornire alla loro divinità le informazioni di cui ha bisogno. Le tribù rimaste trasformeranno le oasi in formidabili bastioni, dove la popolazione ridotta e il logoramento previsto consentiranno loro di mantenere queste roccaforti cruciali nonostante l'imminente conflagrazione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter