W'adrhŭn

I relatori

Se gli Spires hanno mai concesso a qualcuno un dono, un vero dono senza spine o veleni nascosti, lo hanno fatto solo involontariamente. Ad oggi, l'unico caso conosciuto è quello dei W'adrhŭn e dell'ascesa degli Oratori.

Tutti i W'adrhŭn, in parte grazie all'acuto senso dell'udito che possiedono, hanno una facilità naturale con le bestie che vagano per le loro terre. I Parlanti, anche se meno evidenti dei Purosangue, rappresentano un'altra variante unica della razza W'adrhŭn con conseguenze sociali e di sviluppo molto più profonde. Attingendo in qualche modo al legame primordiale tra tutti i ceppi che sono stati intrecciati nel loro essere e quello delle bestie native di Eä, i Parlanti non si affidano all'empatia e a una comprensione più profonda della mente dei loro compagni, ma sono in grado di comunicare con loro direttamente.

Le origini di questo potere sono avvolte da speculazioni, ma è abbastanza chiaro che, come il dono della stregoneria, è stato un dono non voluto dai loro creatori. Anche se si sa poco di questo dono, due cose sono chiare: la prima è che c'è un forte pregiudizio tra i maschi e le femmine dei W'adrhŭn per quanto riguarda le specie verso cui hanno un'affinità: le femmine trovano quasi sempre più facile legarsi ai carnivori, mentre i maschi si legano più spesso agli erbivori. In secondo luogo, coloro che la possiedono possono allenarla ulteriormente, imparando lentamente a comunicare con le bestie con cui non hanno legami di parentela, mentre coloro che ne sono nati senza potrebbero non svilupparla mai.

I primi casi registrati di questo dono sono sorti alcuni decenni dopo la caduta dell'Spires. Mentre lottavano per la loro stessa sopravvivenza tra le rovine dell'Spires e le rigogliose oasi che vi erano sorte, alcuni W'adrhŭn scoprirono che non solo potevano capire le bestie e quindi calmarle, ma anche letteralmente parlare con loro. La distinzione è più sottile di quanto si possa immaginare, poiché senza un'intelligenza sufficiente la maggior parte delle bestie è in grado di comunicare solo in modo rudimentale: la vera differenza si ha quando le bestie possiedono un'intelligenza sufficiente per poter dialogare a loro volta.

Finora, le specie in grado di farlo sono state limitate. I primi a poterlo fare sono i Raptor, un antico ceppo di bipedi carnivori che dominavano la fauna selvatica al tempo dei draghi. Tra i pericoli delle oasi primordiali si è trovato rapidamente un terreno comune e un'intesa che ha portato a quella che è più simile a un'alleanza che all'addomesticamento della specie. Ancora oggi, l'abilità degli allevatori W'adrhŭn è tale che le bestie vagano liberamente tra i territori liberi dei W'adrhŭn, senza bisogno di guinzaglio né di guinzaglio per conoscere il loro posto e il loro scopo. Da allora, l'allevamento selettivo ha iniziato a dare i suoi frutti e di recente un numero sempre crescente di placidi erbivori si sta risvegliando alla senzienza, in grado di comunicare, anche se in modo molto rudimentale.

I Parlanti oggi sono preziosi per la società e la popolazione W'adrhŭn in crescita; i loro compagni servono come bestie da soma, aiutando nella costruzione e nella difesa dei crescenti habitat W'adrhŭn e delle loro popolazioni in aumento. Il loro valore è stato rapidamente riconosciuto in molte tribù in crescita, e gli Oratori più anziani hanno ottenuto un posto nei consigli tribali, che prima erano dominati dai Capi e dalle Madri.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter